Gli alimenti anticancro esistono davvero? È veramente possibile sconfiggere un tumore nutrendosi in maniera appropriata e salutare?

Il Professor Veronesi ha lavorato tutta la vita all’analisi e alla cura del cancro e l’eredità che ha lasciato oggi ai medici ha un valore inestimabile. Combattere questa malattia è tutt’ora molto complicato sebbene le conoscenze della medicina siano notevolmente avanzate. I numeri del cancro infatti restano elevati: circa 1.000 nuovi casi vengono diagnosticati ogni giorno e quasi il 5% della popolazione convive con una precedente diagnosi di tumore. 

Alcuni fattori di rischio sono certamente fuori dalla nostra portata, ma i medici concordano sul fatto che uno stile di vita sano contribuisca in modo significativo alla prevenzione dei carcinomi. Quali, dunque, gli alimenti che possono aiutarci?

Cosa evitare

Quando si parla di cibi salutari che aiutano la prevenzione dei tumori di sicuro il mondo delle carni rosse e degli insaccati non viene menzionato. Questi ultimi infatti sono particolarmente legati al “rischio di tumori dell’intestino e dello stomaco. Ai salumi spesso vengono aggiunte sostanze conservanti come additivi che si chiamano nitriti. I nitriti all’interno del nostro organismo formano nitrosammine, che sono state riconosciuti dalla ricerca come dei potenti cancerogeni. Il Fondo mondiale per la ricerca sul cancro (WCRF) raccomanda di ridurre il consumo di carni rosse e non superare mai i 500 grammi a settimana e raccomanda di evitare il consumo di carni conservate”, parole di Anna Villarini, biologa e nutrizionista dell’Istituto Nazionale di tumori di Milano. 

La dieta anticancro

Se le cellule tumorali si formano dagli scarti di “combustione” del processo di ossidazione cui passa il cibo di cui ci nutriamo è fondamentale introdurre all’interno dell’organismo sostanze antiossidanti che contrastino il formarsi di queste cellule. La dieta anticancro, che anche il Prof. Veronesi ha spesso citato, è composta di pochi cibi essenziali; tra questi il pesce è decisamente uno degli alleati principali. Gli Omega 3 contenuti in alta percentuale nel pesce azzurro e nel salmone aiuterebbero, infatti, a proteggere la membrana delle cellule dai danni esterni. Inoltre, sempre gli Omega 3 aiuterebbero a inibire il processo della formazione di vasi sanguigni che portano nutrimento a un tumore già instaurato. A questa alimentazione anticancro, ovviamente, vanno associate abbondanti quantità di frutta, verdura e cereali integrali.

Grande importanza assumono anche i tempi di cottura dei cibi: se troppo cotti o cotti alla brace, la carne ma anche il pesce possono liberare il benzopirene, una nota sostanza cancerogena che favorirebbe la produzione di tumori e malattie come il cancro. 

Alleato essenziale nella dieta anticancro è dunque il pesce, consigliate sono tutte le specie con alto contenuto di Omega 3 che proteggono l’organismo dalle sostanze dannose esterne che il nostro corpo introduce anche inconsapevolmente.