Qual è la ricetta della felicità? Purtroppo non lo sa nessuno, ma un gruppo di ricercatori australiani è pronto a scommettere che sia a base di pesce! Quanto meno per le donne…

I ricercatori del Menzies Research Institute Tasmania di Hobart, infatti, hanno condotto uno studio i cui risultati mettono in evidenza che le donne che consumano pesce ricco di omega 3 almeno due volte alla settimana riducono del 25% il rischio di soffrire di depressione.

La ricerca è stata condotta su 1.400 uomini e donne dai 26 ai 36 anni che per un periodo di cinque anni  hanno tenuto un diario alimentare in cui annotavano i cibi consumati quotidianamente, mentre venivano anche registrate le ripercussioni sulla loro mente.

La ricerca, pubblicata sull’American Journal of Epidemiology, ha messo in luce che per le donne partecipanti allo studio, ogni portata settimanale in più di pesce ha contribuito a ridurre del 6% i rischi di sviluppare depressione.

La conclusione a cui sono giusti i ricercatori, quindi, è che gli omega 3 presenti nel pesce possano interagire con gli ormoni femminili, dando vita ad un vero e proprio mix antidepressivo. Per gli uomini, invece, non sono stati rilevati effetti positivi.

Che mangiare pesce faccia bene alla salute e al fisico non è un mistero per nessuno, ma i risultati di questa nuova ricerca mettono in luce una nuova prospettiva, che lega gli Omega 3 non solo al benessere fisico ma anche a quello mentale. La felicità vien mangiando! Donne fortunate…