spaghetti_scoglio_dorati

Oggi proponiamo una rivisitazione sul primo piatto di pesce più famoso di tutt’Italia: gli spaghetti allo scoglio. L’idea è quella di renderli un po’ più sostanziosi, visto che il freddo ancora stenta a lasciarci e molto, molto più gustosi, una ricetta insomma dedicata a tutti i golosi.

Istruzioni

Iniziate col pulire bene tutti i molluschi, in particolar modo lavate bene le cozze ed eliminate tutti i filamenti.
In seguito mettete in una pentola capiente le cozze e le vongole, con mezzo bicchiere di vino bianco secco, e lasciatele cucinare a fiamma vivace finché non si apriranno.
Una volta pronte filtrate con un colino il brodo di cottura e mettetelo da parte.
Preparate un soffritto con abbondante olio d’oliva e uno spicchio d’aglio, quando questo sarà dorato aggiungetevi i calamari, tagliati a listarelle sottili e lasciate rosolare per cinque minuti.
Poi aggiungete i gamberetti e se necessario allungate con un po’ del brodo di cottura dei molluschi.
Dopo qualche minuto aggiungete anche le cozze e le vongole e terminate la cottura aggiungendo il brodo di tanto in tanto, per evitare che si secchi troppo.
Nel frattempo mettete a bollire abbondante acqua salata per gli spaghetti.
Scolate la pasta qualche minuto prima del dovuto e continuate la cottura in padella, di modo che si insaporisca per bene.
In una terrina a parte sbattete energicamente le uova ed il grana grattugiato, fino ad ottenere un composto cremoso.
Quando la pasta avrà terminato la sua cottura aggiungete le uova, cospargete il tutto con del prezzemolo e servite ben caldo.

Altre ricette e rivisitazioni degli spaghetti allo scoglio le trovate qui.