Se non sapete cosa sia la Bouillabaisse non preoccupatevi, prima di presentarvi la ricetta vi presentiamo lei 🙂

Citando Wikipedia: “Il nome bouillabaisse deriva dall’occitano bolhabaissa (bujaˈbajsɔ), una parola composta dai due verbi bolhir (bollire) e abaissar (cuocere a fuoco lento).”

 

Questa zuppa è tipica della tradizione francese e la ricetta originale comprende l’uso di almeno tre pesci diversi tra i quali:

  • scorfano
  • triglia
  • grongo

Ma si è soliti aggiungere anche il rombo, il nasello, il cefalo e pure i crostacei come granchi, ricci e cozze. Ci sono versioni più eleganti e raffinate che comprendono l’uso dell’aragosta.

La bouillabaisse ha origini antichissime, si presume sia un’antenata della Kakavia una zuppa di pesce preprarata dai pescatori greci che hanno fondato la città di Marsiglia nel 600 a.C. La kakavia veniva preparara con il pesce rimasto invenduto.

Oggi, vi vogliamo proporre una variante di questa zuppa: bouillabaisse di trote!

Istruzioni

Preparate le verdure, lavandole e tagliandole a tocchetti. Prendete una padella e fate appassire la cipolla con dell’aglio schiacciato (bastano 2 spicchi) e le erbe aromatiche. Quanto il trito di cipolla sarà dorato aggiungete il peperone e i pomodori pelati. Cuocete per circa 5 minuti mescolando spesso. Trascorsi i 5 minuti versate il bicchiere di vino (meglio se rosso) e regolate di sale e pepe. Continuate la cottura per altri 10 minuti.

Preparate le trote, pulendole con attenzione anche utilizzando della carta ruvida per eliminare la vischiosità della pelle. Eliminate l’interno delle branchie, le viscere e quindi asciugate. A questo punto siete pronti per unire il pesce al sughetto. Cuocete per altri 15 minuti a fuoco molto basso. Il trucco per capire quando sono pronte è quello di prestare attenzione agli occhi delle trote: quando saranno bianchi e sporgenti allora sono pronte 🙂

Servite caldo in tavola con l’accompagnamento di un buon vino francese, giusto per restare in tema.