Dipingere un pesce per chiedere all’Europa la riforma della pesca? Sembra una cosa inverosimile invece è l’iniziativa “Dipingi un pesce!” proposta da Greenpeace, Wwf e la coalizione Ocean2012.

Secondo i dati del Wwf, due terzi dei nostri mari sono soggetti a sovrasfruttamento e a rischio ci sono sia i pesci che il settore della pesca. A febbraio il Parlamento Europeo si riunirà per decidere se riformare o meno, in maniera sostenibile le attività di pesca. Per indirizzare l’Europa a votare un nuovo quadro normativo volto ad una pesca veramente sostenibile, che permetta di rispettare l’ambiente ed i posti di lavoro, alcune associazioni hanno proposto l’iniziativa “Dipingi un pesce!”.

Operativamente si chiede a chiunque di mostrare il proprio amore per i pesci, disegnandone uno da mandare ai deputati del Parlamento Europeo. Questo gesto si spera possa convincerli a consentire il recupero degli stock ittici per impedire il fallimento degli oceani. Potrebbe essere divertente ed utile quindi, tirare fuori la vena artistica, con carta e pennelli o attraverso un apposito sito web.

 

Credit image: www.megghy.it