La pelle del pesce tilapia, spesso utilizzata come rivestimento di mobili, accessori e oggettistica, è stata recentemente messa al centro di uno studio per curare le ustioni, anche gravi, nel corpo.

In Brasile le cure mediche sono spesso un problema, ma stando ai ricercatori la pelle di un pesce aiuterebbe nel processo di guarigione chi viene colpito da ustioni, anche gravi. 

Si tratta infatti del pesce tilapia, che vive principalmente nelle acque tropicali in Africa, Sud America e Asia. La pelle di questi pesci è spesso usata nella produzione di rivestimenti per mobili, calzature, accessori, pelletteria e oggettistica varia. Il merito andrebbe all’abbondanza di collagene contenuto nella sua pelle che ha spinto un gruppo di ricercatori della Federal University of Ceara a condurre per due anni uno studio pilota su una cinquantina di pazienti. 

Non sono ancora stati pubblicati studi scientifici ufficiali, e il trattamento è ancora in fase sperimentale ma numerosi medici brasiliani stanno mettendo a punto questa nuova tecnica che potrebbe rivelarsi anche molto economica. Edmar Marciel, chirurgo plastico a capo di questo studio ha scoperto che i livelli di resistenza alle malattie sono paragonabili a quelli della pelle umana. Per questo la pelle del tilapia può aiutare la guarigione. «La pelle di pesce innesca la guarigione circa nello stesso tempo impiegato da creme attualmente in uso nel trattamento convenzionale. Ma i vantaggi di questa tecnica alternativa includono la riduzione del dolore sofferto dai pazienti poiché l’applicazione non deve essere ripetuta quotidianamente.»

Tra i pazienti ad averla sperimentata c’è anche Maria Ines Candido de Silva, trentaseienne che in pochi minuti ha visto alleviarsi il dolore causato dalla bruciatura. Quella della tilapia è una scelta ideale per gli abitanti del Brasile, proprio per la vasta diffusione che lo vede presente nei molti fiumi del Paese. 

[Photo credits: ilsole24ore.com]