In prossimità dell’uscita in Italia della rimasterizzazione in 3D del celebre cartone animato “Alla ricerca di Nemo”, è arrivata la notizia che il pesce pagliaccio, il protagonista del lungometraggio animato, potrebbe essere a rischio di estinzione. Il cambiamento climatico che minaccia la sopravvivenza della barriera corallina, sta mettendo a rischio la sopravvivenza di molte piccole specie ittiche.

Shaye Wolf direttore dell’istituto di ricerca che ha presentato la petizione per tutelare il pesce pagliaccio, ha proferito queste testuali parole,  “Le temperature in aumento e la progressiva acidificazione degli oceani stanno distruggendo l’habitat del pesce pagliaccio. Se non vogliamo che sopravviva solo nei film di animazione dobbiamo assolutamente proteggerlo”.

Oltre all’inquinamento che sta distruggendo i coralli e le correlate specie ittiche, il pesce pagliaccio con i suoi colori sgargianti e il carattere socievole diventa la preda preferita per i commercianti di pesci ornamentali.

Il destino di questo divertente pesce è legato alla decisione del National Marine Fisheries Service, che dovrà decretare se “Nemo” avrà diritto o meno ad una particolare protezione da parte degli organismi internazionali.

Speriamo che il pesce pagliaccio non venga ricordato solamente per il cartone animato della Pixar, ma che continui a nuotare tranquillamente con i molti altri abitanti del reef.